Per accedere alla versione PDF
devi essere un utente registrato/abbonato

 

 

MercatAncora

Edicole e farmacie

Cinema

Teatro e concerti

Feste e sagre

Chicche da leggere di Piero Spotti

Scuola di danza Evri Massa - Acqui Terme e Ovada (AL)

Al Munaa - Scuola danza orientale-egiziana

Centro sportivo e arti marziali - Acqui Terme (AL)

Motoclub Acqui Terme  (AL)

Scuola pattinaggio di Castelletto d'Orba

In punta di piedi - Scuola di danza - Acqui Terme (AL)

Artistica 2000 - Acqui Terme AL

Annunci, offerte lavoro, auto, moto, casa...>>

Le principali Mostre

Home

Acqui Terme. Il “Movicentro”, nella serata di giovedì 8 marzo si è colorato di rosa. Ha infatti ospitato, alle 21 circa, la fase acquese della “Festa della donna” con la proposta di una “Giornata di rosa”, iniziativa che, giunta alla sua quarta edizione ha incluso diverse iniziative, logicamente tutte al femminile. Per l’occasione, il “Movicentro” era al completo della sua capienza, cioè tutto esaurito da ospiti, che con la loro presenza hanno impreziosito la manifestazione e ripagato l’operatività organizzativa del Comune, rappresentato dall’assessore Anna Leprato, e dalla Consulta comunale Pari opportunità  presieduta da Patrizia Cazzulini. “La Consulta esiste dal 2004, opera contro la discriminazione della donna, a favore della famiglia, della scuola e del lavoro”, ha sostenuto l’avvocato Maria Vittoria Buffa, nel dare inizio al programma in calendario.

La serata è iniziata  con alcuni brani proposti dalla band “Ohmoma”, mentre a Chiara Tornato spettava il compito di presentare gli avvenimenti in successione nella serata. Tra i momenti clou della “Giornata di rosa” è da sottolineare la consegna dei premi a dieci donne acquesi che si sono particolarmente distinte per impegno e passione nella propria attività lavorativa. Sono imprenditrici, professioniste, commercianti, dirigenti in vari settori, che con il loro lavoro, intelligenza, creatività hanno saputo mettere la loro sensibilità e passione al servizio della popolazione, non solo della città termale, conciliando tempi di lavoro, impegno e responsabilità con i tempi dell’esistenza.

I riconoscimenti sono stati consegnati a Adriana Aringhieri Ghelli (insegnante, referente WWF, Comitato salvezza Valle Bormida, Premio Acqui Ambiente), Maria Grazia Barbero (detta Lalla, giudice di pace); Renata Colla (Ristorante La Schiavia); Maria Paola Dettori (Enpa); Carla Ghilarducci (insegnante e preside Liceo scientifico e classico); Bruna Malfatto (Poggio calzature); Francesca Pesce (Casa del giocattolo); Rosetta Soriani (Agenzia pratiche auto); Giovanna Traversa (Colorificio Panizza); Iolanda Vassallo (merceria La Minzoni). 

A seguire si è svolta la cerimonia di consegna dei premi alle vincitrici del Concorso fotografico “L’immagine più vera della donna”. Al primo posto (premio di 500 euro) si è classificata Ilaria Alemanno di Acqui Terme; al secondo posto (premio 300 euro) Margherita Garibaldi di Acqui Terme e al terzo posto Martina Ottazzi di Alice Bel Colle (premio un voucher valido per due persone alla Spa “Lago delle sorgenti”  delle Terme). L’inaugurazione della mostra comprendente le 97 fotografie presentate dai 42 partecipanti al concorso fotografico è avvenuta alle 18,30 di giovedì 8 marzo. Si tratta di scatti interessanti ed originali, alcuni dedicati ad altre etnie e civiltà che ci sottopongono la diversità di essere donna nelle diverse parti del mondo. La mostra rimarrà aperta sino al 18 marzo, con orario dal lunedì al venerdì, dalle10 alle 12, giovedì anche dalle 16 alle 18.

Durante la cerimonia di premiazione sono state anche ricordate le acquesi premiate nelle precedenti edizioni della Festa delle donne celebrate nella nostra città: Antonietta Barisone, Iolanda Bertonasco, Ermelinda Blengio, Roselda Teresa Camera, Rina Effile, Matilde Ferro, Paola Franchiolo, Ileana Gallarotti, Anna Valentina Gregorio, Francesca Canepa Governa, Rina Laiolo; Maria Luisa Lisa, Adelaide Poggio e Floriana Tomba.

C.R.